La Scuola di Musica incontra … gli strumentisti della Scala di Milano

a Scuola di Musica incontra … gli strumentisti della Scala di Milano
Quintetto dell’Opera

Il rapporto artistico con i musicisti del teatro scaligero iniziato alcuni anni fa, grazie alla sensibilità dei maestri friulani in organico presso l’orchestra nei confronti della nostra attività, si è andato consolidando e sta dando i suoi frutti con questa pubblicazione. Abbiamo scoperto persone che, al di là della loro bravura, con entusiasmo hanno aderito ad una proposta che vede coinvolto un gruppo di giovani uniti dalla stessa passione per la musica. Alla base di questo progetto ci sono alcuni elementi fondamentali ed imprescindibili mirati a cogliere ogni aspetto della musica: la consapevolezza di proporre un percorso educativo alternativo agli odierni falsi miti dell’apparire e dell’avere, che insegna ai nostri giovani non solo a coltivare ed accrescere il gusto del bello come frutto di impegno e sacrificio, ma anche a veicolare le proprie tensioni, ansie ed attese all’interno di un contesto volto alla realizzazione di un unico comune obiettivo che li aiuta a scoprire le proprie emozioni, a gestirle, a non esserne sopraffatti.

A monte della realizzazione di questi percorsi spicca l’impegno del direttore artistico Giuseppe Tirelli che con sensibilità e competenza, didattica e musicale, si è profuso nella ricerca di collaborazioni con i più valenti musicisti della regione e nella proposta di brani finalizzati a perseguire gli obiettivi che sono alla base del percorso educativo.

Un ringraziamento particolare va a don Giuseppe Faidutti, sensibile ed accorto nel cogliere l’importanza del ruolo della musica nei confronti del mondo giovanile, in un contesto sociale confuso e frammentato.
È attraverso la cultura che si nutre il proprio mondo interiore, e la cultura è un grande mare che si muove nello spazio e nel tempo: la musica ne costituisce una corrente fondamentale. E questa corrente si traduce, in questa occasione, a comporre quel mosaico prezioso di cui la nostra Scuola può andare orgogliosa.

Gloria Turco
Presidente della Scuola di Musica Diocesana

Add Comment