Percussionisti della Scala e giovani talenti

“Nuovi percorsi di espressione creativa” con la Scuola di Musica Diocesana di Mortegliano

Messaggero Veneto, 02/06/2014

UDINE. Gran bel concerto, sere fa, all’Auditorium Zanon di Udine, merito soprattutto alla musica, certo, ma anche del notevole impatto visivo: vedere un centinaio di giovani al centro di un progetto educativo articolato non può che far bene agli occhi e al cuore. Stiamo parlando del concerto Nuovi percorsi di espressione creativa, ospiti i Percussionisti del Teatro alla Scala di Milano (Gianni Arfacchia, Giuseppe Cacciola ed Elio Marchesini, Francesco Muraca, Antonello Cancelli).
Ideata da Giuseppe Tirelli assieme alla Scuola di Musica Diocesana di Mortegliano, direttore artistico con il citato scaligero Elio Marchesini, l’iniziativa coinvolge numerose realtà del Friuli. Grazie alla Regione e al bando per le politiche giovanili, al Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale (Presidenza del Consiglio dei Ministri), a Giovanifvg.it. E così Nuovi percorsi di espressione creativa è sì uno spettacolo, ma ha anche un valore didattico e formativo. Appassionato il saluto iniziale con un audio messaggio del grande Franco Mussida, storico chitarrista della PFM, che sprona con entusiasmo tutti giovani artisti in sala.
Firmano il programma, fra musica contemporanea, etnica e pop, valenti compositori locali: da Alessio Domini e Renato Miani del Conservatorio Tomadini di Udine con Composizione ed Expan, due brani originali coinvolgenti, agli arrangiamenti di Valter Sivilotti (la toccante Quantas Sabedes di Mauro Pagani, Sospesi nell’incredibile de Le Orme e le bellissime La luna nuova e Impressioni di settembre della PFM).
Sul palco gli allievi della masterclass dei conservatori Tomadini di Udine (coordinati da Roberto Barbieri) e Tartini di Trieste (Giorgio Ziraldo), tenuta nei mesi scorsi dagli stessi Percussionisti della Scala, il Coro dei Ragazzi di Musicainrete e il Laboratorio Corale della Scuola di Castions di Strada.
Un’ora e mezzo di splendida musica e di belle emozioni: anche dello stesso scaligero Giuseppe Cacciola, che ringrazia tutti i ragazzi del coro e i giovani allievi della masterclass. Serata condotta da Rita Bragagnolo, innumerevoli applausi e richieste di bis. Grande pubblico e numerose autorità: unica assente l’amministrazione comunale di Mortegliano.

Luca d’Agostino