Crescere con la Musica

CORSI MUSICALI PROMOSSI DALL’ASSOCIAZIONE PER IL DOPOSCUOLA
“CRESCERE CON LA MUSICA”

  1. Prospetto delle attività e metodologia applicata per la Scuola per l’Infanzia

La musica è uno dei linguaggi fondamentali per la crescita e la formazione armonica dell’individuo: arricchisce le sue potenzialità espressive, comunicative, immaginative e creative, accresce le sue capacità di concentrazione e di memoria, rafforza l’autostima e il controllo della propria emotività.
Le lezioni si baseranno sulla Music Learning Theory (teoria dell’apprendimento musicale) elaborata dopo molti anni di ricerche nel campo dell’apprendimento musicale e della psicologia della musica dal Prof. Edwin E. Gordon (South Carolina University – U.S.A.), teoria che parte dal presupposto che la musica si possa apprendere secondo procedimenti analoghi a quelli del linguaggio parlato e apporta novità sostanziali nel campo dell’educazione musicale.
Il corso tenuto da un’Insegnante Certificata, Accreditata Audiation Institute e da Insegnanti Professionisti intende immergere il bambino in un contesto musicale, promuovendo una relazione adulto-bambino, all’interno della quale l’uno possa rivolgersi all’altro per comunicare con il canto e il corpo in movimento. In questo modo il bambino avrà l’opportunità di ascoltare, di assorbire una sintassi musicale e di elaborare spontaneamente vocalizzazioni di suoni e accenni ritmici, esattamente come avviene nel linguaggio parlato.

Obiettivi e finalità
– Creare una relazione con il bambino attraverso l’uso espressivo della voce, dello sguardo e del respiro. Questo presupposto fondamentale permette un dialogo musicale con tutto il gruppo ma anche con ogni singolo bambino, in una modalità che privilegia l’aspetto emozionale, espressivo e comunicativo rispetto a quello intrattenitorio.
– Sviluppare al meglio la propria attitudine musicale costruendosi un vero e proprio vocabolario musicale attraverso l’ascolto di canti tonali e ritmici, favorendo l’assorbimento della musica da parte del bambino nel rispetto dei propri tempi e modi e nella piena libertà espressiva di elaborare risposte con suoni spontanei. In questo modo il bambino eserciterà nella sua mente la comprensione e la formazione di un pensiero musicale, secondo quello che la Music Learning Theory chiama audiation.
– Utilizzare il movimento libero e spontaneo, senza condizionamenti da parte dell’adulto, per permettere al bambino uno sviluppo ottimale del senso del ritmo e di sentire con il corpo ciò che avviene a livello musicale.
– Fare esperienza del silenzio come momento di rielaborazione degli stimoli sonori e di sviluppo dell’audiation.

Responsabile del progetto
Docente: Chiara Grillo

2. Prospetto delle attività e metodologia applicata per la Scuola Primaria

Con i bambini della Scuola Primaria, l’attività musicale sarà rivolta al canto corale, allo studio della chitarra e delle percussioni dove il bambino potrà mettere in pratica assieme ai compagni le competenze prima acquisite. Una parte della lezione sarà dedicata alla Bodypercussion per poter rafforzare le competenze ritmiche e di coordinamento.
Consolidamento del processo evolutivo con esercizi, esecuzioni di brani tarati per un completo adattamento psiche – azione in particolare nella pratica strumentale (percussioni e chitarra).

L’attività musicale rivolta alla CHITARRA CLASSICA per i bambini della primaria prevede la conoscenza dello strumento, l’ Impostazione del corpo rispetto al metodo della chitarra classica europea con utilizzo dell’appoggia piede, primi passi verso la lettura delle note e apprendimento di brani di facile esecuzione.
Il progetto “Chitarre insieme” vuole aiutare i bambini e le bambine della Scuola Primaria ad avvicinarsi al mondo del suono e della musica con interesse e dare la possibilità di esprimersi liberamente, senza
competizione e paura di insuccessi. Verranno proposte attività d’insieme sul ritmo, su semplici melodie, giochi di ascolto, semplici attività motorie che permettano di migliorare la coordinazione, stimolare la fantasia e la collaborazione. Le attività proposte potranno quindi essere orchestra di chitarre, gesti suono, giochi ritmici e melodici, improvvisazioni vocali e strumentali, vocalità, fiabe sonore… Le diverse attività saranno proposte in modo calibrato sull’età dei bambini che prenderanno parte al progetto.
L’obiettivo finale sarà assemblare un brano, dove tutti avranno un ruolo indipendente ma indispensabile per la riuscita dello stesso affrontando a tutti gli effetti un percorso orchestrale.

L’attività musicale rivolta alle PERCUSSIONI   prevede un itinerario collettivo guidato che, partendo dalla scoperta dei suoni naturali del corpo (body percussion), approderà allo studio delle tecniche strumentali di alcuni strumenti a percussione, passando poi alla scoperta e alla consapevolezza del ritmo.
Si partirà con l’individuazione dei ritmi del proprio corpo (respirazione, battiti cardiaci, ecc.); per poi passare a suoni producibili con il proprio corpo (battito delle mani, ecc.) e concludere con i suoni riproducibili con gli strumenti musicali al fine di creare un vero e proprio gruppo di percussioni e fare musica insieme, ascoltandosi l’un l’altro.
L’obiettivo del corso è quello di creare all’interno delle lezioni collettive momenti educativi che consentano agli allievi di mantenere alto il loro interesse nelle attività proposte dall’insegnante, di stimolarne la creatività permettendo loro di rapportarsi imparando e “giocando” con la musica.

Responsabili del progetto
Docente: Chiara Grillo per le lezioni di propedeutica/ canto;
Docente: Fulvio Sain per chitarra classica;
Docente: Francesco Tirelli per strumenti a percussione.

3. Prospetto delle attività e metodologia applicata per la Scuola Secondaria

L’attività corale è di importanza primaria nell’età preadolescenziale  e nel periodo dell’adolescenza per lo sviluppo delle dinamiche logico-matematiche (corrispondenza suono-segno e ritmica), di intonazione delle singole voci e nell’insieme coro (educazione alla buona socialità legata alla condivisione di importanti valori di cui la musica è divulgatrice), espressive (il canto come momento intenso di comunicazione verso gli altri e di autoanalisi della sfera affettiva), di gruppo (il canto diventa espressione del coro di conseguenza affinamento delle regole di convivenza, di accettazione, di proposte e analisi all’interno del gruppo dei pari), di affinamento del gusto “del bello” (punto importante per la maturazione “armonica” dell’adolescente in un clima di sana cultura e di valori condivisi).

Obiettivi : Metodologie
Il laboratorio di musica corale desidera introdurre questo percorso di incontro-studio per ampliare la sensibilità armonica con proposte di musica corale che si affiancano allo studio delle strutture musicali classiche. Il coro è composto da due sezioni: coro dei “pueri” e coro dei “ragazzi”. Il coro dei “pueri” segue un programma con finalità educative atte alla percezione del suono, all’intonazione melodica, alla lettura ed all’ esecuzione vocale a due voci.
Il coro dei ragazzi sviluppa elaborazioni più complesse, a più voci, con finalità atte ad accrescere l’intonazione armonica e la vocalità.
L’attività musicale sarà rivolta al canto corale che ha una importanza profonda in particolare in questa fascia di età perché permette di condividere le proprie emozioni, i propri stati d’animo.
Il cantare in coro educa alla tolleranza verso gli altri, all’umiltà, alla perseveranza, all’amore verso la comunità: componenti tutte dell’uomo sociale.
A livello cognitivo nei coristi aumenta attenzione e memorizzazione, a livello fisiologico, invece, il canto aiuta a migliorare la respirazione e la postura.
Inoltre il respiro dei coristi si sincronizza: in questo modo si entra in sintonia con più persone.
Infine, cantando in compagnia si canalizzano le energie e si liberano le emozioni.
Sfogando tristezza, rabbia e paura, si prova gioia e si recupera l’amore per la vita.

Responsabile del progetto
Docente: prof. Giuseppe Tirelli, direttore artistico della Scuola di Musica, per il canto corale.

Beni e servizi – Materiali e strumenti
Il materiale didattico sarà fornito dalla Scuola di Musica stessa.

Il progetto musicale proposto dalla nostra associazione si svolgerà a partire dal 12 ottobre ed in osservanza al calendario scolastico dell’Istituto Comprensivo.
I corsi verranno avviati in base ad un numero minimo di iscritti, e ciò concordemente alle esigenze del docente ed agli spazi a disposizione.
La precedenza sarà data agli allievi che sono iscritti al doposcuola.
A ciascun aderente verrà data successiva comunicazione per formalizzare l’iscrizione e sottoscrivere i documenti necessari all’avvio dei corsi.

Costo annuale dei corsi:
Quota Associativa € 20,00 da versare all’atto della sottoscrizione
Corso € 130,00 annui da versare in due rate
(la prima entro il 31.10.2020, la seconda entro 31.01.2021)